LE MASCHERE BIANCHE NON HANNO DIMORA! WE HAVE NO HOME! ITA/ENG VERSION

🔴 Per aver sempre smerdato i Padroni di Merda ci hanno chiamato stalker, per essere stati dalla parte di ogni lavoratore e per aver preteso i soldi che ci spettano siamo diventati estorsori, per essere andati ogni settimana davanti ai datori che sfruttano, ci cacciano da Bologna.

Con una misura cautelare di “divieto di dimora”, senza alcun processo, ci cacciano dalla città, dicono che non possiamo stare qui, dove abbiamo affetti, famiglia, lavoro, casa, ci costringono a vivere in qualche albergo o sul divano di qualche amico.

🔴 Di fronte a tutto questo vogliamo dimostrare che le maschere bianche non si sconfiggono cacciando 5 di noi, né con le denunce né con le minacce, le maschere bianche sono e possono essere OVUNQUE, le maschere bianche non hanno dimora! Perché la maschera bianca non è l’identità di un gruppo, di un’organizzazione politica, di un sindacato: la maschera bianca è una condizione comune, è l’espressione di una comune voglia di uscire dal silenzio e farla finita con i padroni di merda.

Invitiamo tutti i solidali, i lavoratori che sono stufi di subire, i disoccupati che sono stanchi di campare di lavoretti, i precari che vogliono vendicarsi, a scendere per strada con le maschere bianche e far vedere che siamo uniti, siamo ovunque e siamo pronti alla nostra vendetta!

 Uno striscione, un cartello, un’azione contro un padrone di merda, in una piazza, davanti ai palazzi istituzionali o altrove, qualsiasi forma è adatta per indossare la maschera bianca e far vedere che siamo ovunque!

Mandateci foto, video e testi, li pubblicheremo tutti dalla nostra pagina

Che la crisi la paghino i padroni di merda!

Comunicato: bit.ly/2TikR3Z

Raccolta fondi/Fundraising: bit.ly/3dY79LO

WE HAVE NO HOME!

Because we pissed off the shit bosses they called us stalkers, because we took the side of every worker and because we demanded the wages we were owed we’ve become extortionists, for having protested every week outside the businesses of bosses that exploit us, they have chased us out of our homes, out of Bologna.

With this legal measure they forced us to leave the city within 24 hours without a trial, said that we can’t stay here, where we have our friends, our family, work and homes, we have to take rooms in hostels or sleep on friends’ sofas.

In response to this we want to show that you will not defeat us by targeting five people, neither with charges nor with threats, we are and we can be EVERYWHERE, we have no home! Because we are not identifiable as a group, as a political organization, as a union: we are a common condition, the expression of a common need to end the silence and get rid of these shit bosses.

We invite everyone who is in solidarity, the workers who are fed up of suffering, the unemployed who are tired of getting by on casual jobs, the precarious who want to get revenge, to go into the streets with these same masks and show that we are united, we are everywhere and we are ready for revenge!

A banner, a sign, an action against a shit boss, in a square, in front of institutional buildings or wherever. Anywhere you can put on masks like we have done and let them see we are everywhere!

Send us photos, videos and texts, we will publish everything on our page.

Make the shit bosses pay for the crisis!

PADRONE DI MERDA’ PROTESTORS IN BOLOGNA UNDER ATTACK!

+++ We are raising money for legal fees; you can support us here. +++

What’s happened? At dawn this morning in Bologna, Italy, some workers and precarious workers who refused to be exploited and swindled by their shit bosses were woken up by police officers, giving them notice of these precautionary measures against them: five were ordered to leave Bologna and one was banned from approaching their ex-workplace and ex-bosses. A further 13 workers have also been charged.
Although it is well known that the protection of precarious young people has never been their priority, the police showed up without gloves and masks and without respecting social distancing rules, putting our health at risk. When one precarious worker complained, the police officer responded, to the amusement of his colleague: “Don’t worry, with this order you will end up very far away!”. They are defying the same health regulations that they were enforcing with fines and charges during the lockdown.
What is the order? It is a precautionary measure (i.e. issued in a discretionary manner by a judge and immediately enforceable without a trial, i.e. without any proof of “guilt”) that obliges those who have received it to immediately leave the city of Bologna and not to return for an indefinite period. It doesn’t matter that they have friends, partners and in some cases families in the city. It doesn’t matter that this further limits the precarious income of these workers. It doesn’t matter that we are in the midst of a pandemic, which limits mobility for public health reasons. They clearly don’t care about the virus spreading and the possibility of infection. From one hour to the next, those same workers who before couldn’t leave their homes, have to leave their homes and go who knows where and for who knows how long. Should they go to friends or relatives, endangering their health and that of others? Should they rent a house outside Bologna, when it is already difficult to pay the rent on their own house in the city? The same people who said they wanted to protect our health now show us that they never really cared. The only health that interests them is the health of the shit bosses’ profits.
Who did these measures target? A worker in a social cooperative in Bologna, who has been forced to continue working throughout the lockdown for low pay and without adequate protection; a worker in a bar, who was supposed to restart their shifts today; a partner in a small business, who has refused to pass the crisis onto their workers and for this reason has not received a single euro from the state or the local government; a student who, to pay their way through university, has had to work illegally; a rider who during the lockdown has been forced to work to earn money to get by. On top of this, a former employee of the Nails Café, which is at the centre of the case, has also been banned from approaching their ex-workplace or their ex-bosses. These shit bosses are guilty of not having paid thousands of euros owed to an employee. The message to the workers is: let these bosses exploit and swindle you in peace.
What are they being charged with? With harassing bosses who don’t pay their workers. From this morning, demanding your wages is officially called extortion! From this morning, going to your shit boss to protest against their fraud and harassment, thus upsetting their business, is officially called violence!
On the day of the reopening of many businesses after months of lockdown, the watchword is economic recovery, but the message is clear: this recovery is only for the shit bosses. Nobody cares about young people, precarious and exploited workers, who very often have not received a penny during this period. The economy made up of illegal and badly paid work has to recover quickly and, at a time like this, we are a problem for all bosses who are prepared to pass on the costs of the economic crisis to their employees.
There’s no point in you trying to give us a name or to hunt us down because everyone is behind our masks: all the precarious workers who have chosen to take revenge on their exploiters; all the workers who have identified themselves in one of the many stories of blackmail, fraud and harassment that we have told. Even more so now that we are in the midst of an economic crisis, for every exploitative shit boss there will be more masked people ready to take to the streets. For every precarious person forced from their home, there will be more ready to spread through Italy, because these shit bosses don’t have a home.

When the institutions said #andràtuttobene (everything will be fine), we now know what they meant: it will be fine for the shit bosses, the only people who are truly protected. That is why revenge against these bosses won’t stop. It is time to put our masks on again.

Comunicato maschere bianche dopo le assurde accuse della magistratura

+++ NOTIZIA GRAVISSIMA, MASCHERE BIANCHE SOTTO ATTACCO! +++

Cosa è successo? All’alba di questa mattina a Bologna alcune maschere bianche – ossia lavoratori e precari che non accettano di essere sfruttati e truffati dai padroni di merda – sono state svegliate dagli agenti di polizia per vedersi recapitare un procedimento di misura cautelare: si tratta di 5 “divieti di dimora” e 1 “divieto di avvicinamento”. Altri 13 lavoratori sono stati denunciati.

Iniziamo col rendere noto che i suddetti agenti si sono presentati senza guanti e mascherine e senza preoccuparsi di rispettare la distanza di sicurezza: per quanto sia noto che la tutela dei giovani precari non sia mai stata una loro priorità, questo fatto è ulteriormente grave e pericoloso per la salute di tutti. Alle obiezioni mosse da un lavoratore precario, la risposta di un agente è stata: “Non vi preoccupate, con l’obbligo di dimora starete molto distanti!”. Tra le risate del collega e in sfregio a qualsiasi norma sanitaria che gli stessi agenti dicevano di voler far rispettare quando, nel periodo di lockdown, davano multe e denunce.

Che cos’è un divieto di dimora? È una misura cautelare (cioè emanata in modo discrezionale da un giudice e immediatamente esecutiva senza alcun processo, cioè senza alcuna dimostrazione di “colpevolezza”) che obbliga i lavoratori e i precari che l’hanno ricevuta ad abbandonare immediatamente la città di Bologna e non farvi ritorno a tempo indeterminato. Non importa che in questa città risiedano per tutti amici, affetti, in alcuni casi famiglie. Non importa che in questo modo vengano ulteriormente limitate le già instabili entrate con cui ognuno dei lavoratori prova ad arrivare a fine mese. Non importa che ci troviamo nel mezzo di una pandemia, che limita la mobilità per ragioni di tutela della salute collettiva: infischiandosene delle possibilità di contagio e diffusione del virus, quegli stessi lavoratori che fino a qualche giorno fa non potevano uscire di casa adesso, da un’ora all’altra devono abbandonare la propria casa e andare non si sa dove e non si sa per quanto. Andare da amici o parenti, mettendo a repentaglio la salute propria e degli altri? Affittare un’altra casa fuori Bologna, quando si fa fatica a pagare l’affitto della casa in città? Chi diceva di volere tutelare la nostra salute, oggi dimostra che in realtà non gliene è mai fregato nulla. L’unica salute che gli interessa è quella dei profitti dei padroni di merda.

Chi sono le persone perseguitate? Un lavoratore di una cooperativa sociale del bolognese, che durante tutto questo periodo è stato costretto ad andare al lavoro per pochi soldi e senza adeguate protezioni; il lavoratore di un bar, che oggi avrebbe dovuto riprendere i suoi turni; il socio di una piccola attività, una di quelle partite iva che rifiuta di scaricare la crisi sui lavoratori e proprio perciò non ha ricevuto un solo euro da Stato e regione; uno studente che, per pagarsi l’università, deve fare dei lavoretti in nero; un rider che in questi mesi è stato costretto a montare sulla bicicletta per guadagnare i soldi necessari a tirare avanti. A questi “divieti di dimora” si aggiunge il “divieto di avvicinamento” per una ex lavoratrice del Nails Café, vicenda esplicitamente messa al centro della montatura giudiziaria: si tratta di padroni di merda loro sì colpevoli di non aver versato migliaia di euro dovuti a una loro dipendente. Il messaggio ai lavoratori è: state lontani e lasciate che i pdm sfruttino e truffino in tranquillità.

Cosa viene imputato? Di perseguitare e non dare tregua ai padroni che non pagano i lavoratori. Pretendere di ricevere il salario pattuito da questa mattina ufficialmente si chiama “estorsione”! Andare dal padrone di merda a chiedere conto di truffe e molestie, disturbando così i suoi sporchi affari, da questa mattina ufficialmente si chiama “violenza”!

Anche in questo caso il messaggio è chiaro: all’alba della riapertura di tanti esercizi commerciali dopo mesi di lockdown per la crisi coronavirus la parola d’ordine è quella della ripresa economica, non fosse altro che questa ripresa riguarda solamente i padroni di merda. Dei giovani, dei precari e dei lavoratori sfruttati, che molto spesso non si sono visti recapitare neppure un centesimo negli ultimi periodi di chiusura totale, non interessa niente a nessuno. L’economia dei lavoretti in nero e malpagati deve riprendere alla svelta e in un momento come questo le maschere bianche rappresentano indubbiamente un problema per tutti i padroni pronti a scaricare sui propri dipendenti i costi della crisi economica.

È inutile che cercate di dare un nome o di cacciare qualcuno, perché dietro quelle maschere bianche ci siamo tutti: tutti i precari che hanno scelto di vendicarsi dei propri sfruttatori; tutti i lavoratori che almeno una volta si sono identificati in una delle tante storie di ricatto, truffa e molestie che in tanti mesi abbiamo raccontato. A maggior ragione nel pieno della crisi economica, per ogni padrone di merda sfruttatore segnalato ci saranno più maschere bianche pronte a scendere in strada. Per ogni precario cacciato dalla propria casa, ci saranno più maschere bianche pronte a diffondersi in tutta Italia, perché i padroni di merda non hanno dimora.

Quando le istituzioni dicevano #andràtuttobene, ora sappiamo a chi si riferivano: ai padroni di merda, gli unici a essere veramente tutelati. Per questo la vendetta contro i padroni di merda non si ferma, ed è di nuovo tempo di indossare la maschera.